Home » Notizie » Caldo: anziani, un decalogo per proteggerli dall’afa

Caldo: anziani, un decalogo per proteggerli dall’afa

di Fondazione F.Turati Onlus | 20 giugno 2012

Evitare di uscire dalle 12 alle 17, bere molti liquidi, consumare pasti leggeri. Sono alcuni dei consigli di Federanziani, che ha lanciato un decalogo per proteggere i ‘nonni’ dai colpi di calore e trascorrere un’estate in sicurezza. La regola numero 1 e’ evitare di uscire nelle ore piu’ calde della giornata, seguita dall’arieggiare l’ambiente dove si vive, anche utilizzando un ventilatore.

Necessario poi bere molti liquidi, almeno un litro e mezzo al giorno, per reintegrare le perdite quotidiane di sali minerali mentre sono da evitare le bevande alcoliche, gassate, troppo zuccherate o troppo freddo, mentre non bisogna eccedere con caffe’ o te’. Il decalogo di Federanziani prosegue con la regola numero 4, consumare pasti leggeri evitando fritti, grassi e cibi piccanti.

Ripararsi il capo dal sole e in caso di mal di testa dopo una prolungata esposizione al sole fare impacchi con acqua fresca per abbassare la temperatura corporea sono le regole 5 e 6, seguite dall’indossare abiti leggeri (7) e dal ‘consultare sempre il medico se soffrite di ipertensione’. Le ultime due regole sono ‘non sostate in automobili ferme al sole’ e ‘possibilmente andate in vacanza in localita’ collinari e termali’. “Chiediamo alle istituzioni – dichiara il presidente di Federanziani, Roberto Messina – una maggiore attenzione per il mezzo milione di anziani ricoverati in ospedali e case di riposo, dove spesso non c’e’ neanche il condizionatore. A questa situazione drammatica che si rinnova ogni anno si aggiunge anche, quest’anno, l’emergenza per gli anziani nelle aree terremotate, da cui si moltiplicano in questi giorni le segnalazioni di malori”. Infine un appello ai familiari: “non abbandonate a loro stessi gli anziani. Fate per loro la spesa, comprate i medicinali, verificate costantemente se hanno bisogno di qualcosa”. (ANSA).

Ufficio Comunicazione della Fondazione F.Turati