Home » Notizie » Estate@Vieste.Turati/Mostre: Personale di Athos Faccincani dal 4 al 21 agosto

Estate@Vieste.Turati/Mostre: Personale di Athos Faccincani dal 4 al 21 agosto

di Fondazione F.Turati Onlus | 30 luglio 2012

“Un paese da fiaba”: così definisce Vieste il Maestro Athos Faccincani, protagonista di una mostra personale di pittura, in programma dal 4 al 21 agosto 2012 nei magici locali dell’ex Convento dei Cappuccini, Lungomare Vespucci a Vieste, dal titolo “I colori della vita”.Nativo di Peschiera del Garda, negli anni ‘70, dopo aver terminato gli studi fra Venezia e la Lombardia, l’artista si dedica con entusiasmo all’equitazione ed alla pratica della pittura. Partecipa al clima di impegno civile di quegli anni e l’impatto con la realtà sociale e i suoi problemi, il contatto con il mondo delle carceri, degli emarginati e della malavita, lo rendono un sostenitore di chi non ha voce. Così le sue tele, concentrate sull’enigma del sentimento umano con i suoi drammi e le sue contraddizioni, assumono colori melanconici e sofferti nel rappresentare figure intensamente espressive. Da questa ricerca nasce il ciclo di dipinti sulla “Follia delle attese” e sulla Resistenza.
Nel 1980, dopo una rigenerazione interiore, Faccincani si rivolge alla natura che ama nella sua totalità e che diventa il suo modello. Muta atteggiamento esistenziale e stilistico e crea immagini di chiara derivazione impressionista, dai colori puri e accesi, dove la luce e il sole, testimoniando gioia e serenità, concorrono al recupero dei valori interiori. Conosciuto ed amato ormai anche oltreoceano, tra le sue ultime mostre citiamo quella tenutasi presso la Hyatt Gallery di Tokyo, la partecipazione all’Art Manege di Mosca, la personale a Madrid e nel Principato di Monaco. Innumerevoli anche i premi dei quali è stato insignito durante la sua quarantennale carriera, fra gli ultimi a Roma, come Personalità Europea 2008, ad Ischia il premio Ischia Friends 2010 ed a Napoli il Premio Albatros.
Un recente viaggio in Puglia ha rafforzato nel Maestro l’amore per la città di Vieste, della quale scrive: “salendo da sud a sera, la luna appena segnata nel cielo a destra, e ancora la luce intensa e forte del sole a sinistra illumina i bianchi di un paese da fiaba. Una terrazza, il vento che sale da un mare di verdi ed azzurri che avvolgono il cuore e parlano all’anima.”.
Così è nata l’idea della mostra rimarrà aperta tutti i giorni compresi i festivi fino al 21 agosto, dalle ore 21 alle 24,30.

Ufficio Comunicazione della Fondazione F.Turati