Home » Notizie » La povertà mina la salute

La povertà mina la salute

di Fondazione F.Turati Onlus | 2 maggio 2017

Uno studio dell’Agenzia Regionale di Sanità dimostra la stretta relazione fra la salute di una persona e il suo grado di cultura e livello economico. Un problema sociale presente anche in Toscana. Le iniziative della Fondazione Turati.

Uno studio dell’Agenzia Regionale di Sanità dimostra la stretta relazione fra la salute di una persona e il suo grado di cultura e livello economico. Un problema sociale presente anche in Toscana. Le iniziative della Fondazione Turati attraverso Koinos.

C’è un rapporto diretto fra il grado di cultura e il livello di benessere di una persona e il suo stato di salute. La cosa, già ampiamente nota a livello scientifico, è stata confermata anche da un recente studio fatto dall’ARS, l’Agenzia Regionale di Sanità, sulla popolazione toscana. Incidono gli stili di vita, fumo e alcol sono più diffusi fra i meno abbienti, la scarsa cultura relativa alla prevenzione e la minore capacità economica che porta a fare meno esami e a ricorrere meno a visite specialistiche. Quest’ultima è anche la ragione per cui, sempre secondo l’Agenzia Regionale di Sanità, chi ha meno possibilità economiche ricorre di più al pronto soccorso e si ricovera di più in ospedale. Ma è il dato della mortalità ad essere impressionante e il fenomeno si è accentuato con la crisi economica. A Firenze ad esempio la possibilità di morire fra i disoccupati è di quattro volte superiore a quella fra gli occupati mentre nel periodo tra il 2001 e il 2008 era di due volte e mezzo. Anche la mortalità in ambito ospedaliero è notevolmente superiore, 22 su 1000 contro 10 su mille, fra chi ha più cultura, e quindi più reddito, e chi ne ha meno. Anche il rientro in ospedale a 30 giorni da una precedente dimissione è maggiore fra le due fasce di popolazione, 110 su 1000 rispetto a 80 su mille, il che è indice di una maggiore cronicità delle malattie dovuta appunto agli stili di vita e alla mancanza della prevenzione.

Per dare un contributo a risolvere questo problema di disuguaglianza evidenziato dall’Agenzia Regionale di Sanità e  che riguardando la salute è particolarmente odioso, la Fondazione Turati ha aperto a Pistoia un poliambulatorio specialistico, Koinos, in Via J. Melani, che offre servizi di eccellenza per le attività diagnostiche, cliniche e strumentali a prezzi particolarmente contenuti. Tutte le prestazioni vengono erogate con tempi di attesa molto ridotti. Con la stessa filosofia Koinos organizza anche campagne di prevenzione, le ultime per il controllo della tiroide, il decadimento cerebrale e le visite ginecologiche. Tutte le informazioni al sito: www.koinos-pistoia.it.

Ufficio Comunicazione della Fondazione F.Turati