Home » Blog » Gli stagisti alla Turati: con i pazienti bisogna essere sempre sensibili

Gli stagisti alla Turati: con i pazienti bisogna essere sempre sensibili

di Davide & Niccolo | 13 luglio 2017

stagisti alla Turati

Gli stagisti alla Turati imparano a misurarsi con la realtà del lavoro quotidiano al Centro di riabilitazione e terapia fisica. Alessia resta colpita dall’insegnamento di una fisioterapista: “Con i pazienti bisogna sempre essere sensibili”.

Io e gli altri stagisti alla Turati di Pistoia abbiamo trascorso la seconda settimana alla Fondazione, durante la quale ho partecipato ad un corso di formazione riguardante la sicurezza sul posto di lavoro.

Ho inoltre assistito alle visite con i pazienti insieme ai fisioterapisti Silvia, Luana ed Alberto, con cui ho compilato le cartelle e ho imparato il funzionamento di alcuni strumenti.

Tutti i fisioterapisti, le segretarie, il responsabile e Federica sono sempre stati disponibili, comprensibili e gentili con me, le mie compagne e gli altri stagisti della Turati.

Mi sono trovata molto bene alla Fondazione Turati anche perché non mi sono mai sentita fuori luogo, benché non facessi parte del corpo di lavoro.

Ho imparato molte cose durante la mia permanenza alla Turati, ma sono stata colpita sopratutto da una frase che ci è stata detta da una fisioterapista: “Queste persone hanno dei problemi, che siano dovuti da infortuni o da patologie, ma il nostro compito è anche quello di non fargli pesare questo fatto e quindi dobbiamo essere sempre sensibili con loro“.

Ammiro molto la simpatia e la dedizione che i fisioterapisti mettono nel loro lavoro.

Sono certa che ricorderò questa esperienza perché mi ha insegnato molto.

Alessia