Home » Gavinana » Floema, un incontro musicale a Gavinana

Floema, un incontro musicale a Gavinana

di Ufficio stampa della Fondazione Turati | 31 Gennaio 2019

floema

Sabato 16 febbraio la Fondazione Turati di Gavinana ospita Floema, il ciclo di incontri musicali promossi da Fondazione Pistoiese Promusica e impegnato a portare la musica in luoghi inusuali. Appuntamento alle 16 con i solisti dell’Orchestra Leonore, il repertorio di Brahms, Bach e una nuova composizione in prima esecuzione assoluta di Federico Maria Sardelli.

A febbraio il progetto Floema, promosso dalla Fondazione Pistoiese Promusica, approda alla Fondazione Turati di Gavinana. L’appuntamento è per sabato 16 alle ore 16 con un incontro musicale che vedrà protagonisti i solisti dell’Orchestra Leonore, i quali eseguiranno musiche di Brahms, di Bach e di Federico Maria Sardelli, di cui sarà possibile ascoltare una nuova composizione in prima esecuzione assoluta. L’evento è a ingresso libero.

In botanica, con il termine «floema», si intende il tessuto che nella pianta conduce la linfa alle regioni di utilizzo che ne hanno bisogno per la propria crescita (radici, semi, frutti). La finalità del progetto Floema, ideato e diretto da Daniele Giorgi, è infatti quella di far giungere nutrimento musicale in profondità nel tessuto sociale, raggiungendo nuovi luoghi e persone che abitualmente non frequentano la musica d’arte. Floema è una rete in progressiva espansione che connette i musicisti dell’Orchestra Leonore – fortemente voluta da Promusica a partire dal 2014 – con le realtà operanti sul territorio attraverso una serie di incontri informali, comprensivi di momenti di dialogo e scambio con il pubblico.

Il programma musicale dell’evento

Per il ciclo Caro Johannes, che prevede l’esecuzione integrale della musica da camera di Johannes Brahms nel corso della stagione, verrà proposto il Quintetto per archi n. 2 in Sol maggioreop. 111: lavoro tra i massimi di tutta la produzione brahmsiana per bellezza d’invenzione, coerenza formale e tono riccamente enigmatico dei vettori espressivi, fu composto  nel 1890. Max Kalbeck, autore all’inizio del Novecento di una monumentale monografia sul compositore, riteneva che quest’opera il punto d’incontro tra «tedesco senso dell’umorismo e melanconia slava, temperamento italiano e orgoglio magiaro».

Tra i compositori protagonisti dell’incontro anche Johann Sebastian Bach, altro gigante della musica tedesca, del quale verrà eseguita una Fuga dal Primo libro del Clavicembalo ben temperato, opera monumentale di stupefacente organicità e di meravigliosa varietà, che unisce all’eccezionale significato didattico quell’altissimo valore poetico che ne fa uno dei più elevati capolavori dell’intera letteratura musicale

Grazie a numerose nuove composizioni espressamente commissionate a compositori viventiFloema vuole offrire al pubblico una nuova prospettiva sulle ricchezze della musica contemporanea: per questo programma è stato coinvolto Federico Maria Sardelli, artista dal multiforme talento – compositore, pittore, scrittore satirico, direttore d’orchestra, massimo esperto mondiale di Vivaldi – che incarna l’ideale dell’artista eclettico. Il programma include infatti la Fuga tempestosa a 5 voci, commissionata appositamente per questa occasione, composta nel linguaggio barocco degli anni Venti del Settecento italiano

I musicisti

Il programma vedrà protagonista il quintetto d’archi dell’Orchestra Leonore, composto da musicisti attivi in prestigiosi ambiti cameristici e con esperienze in importanti orchestre internazionali: i violinisti Daniele Giorgi (direttore musicale della Leonore nonché ideatore e direttore artistico del progetto Floema) e Clara Franziska Schötensack (membro del Quartetto Lyskamm), i violisti Olga Arzilli (vincitrice del concorso per prima viola al Teatro Comunale di Firenze e al Teatro alla Scala di Milano, che dopo una stagione al teatro milanese si è dedicata all’insegnamento e all’attività concertistica) e Emiliano Travasino (membro della Oulu Symphony Orchestra) e il violoncellista Cosimo Carovani (membro del Quartetto Indaco e primo violoncello solista dell’Orchestra da camera Milano Classica).

Partito a ottobre, il ciclo 2018/2019 del progetto Fleoma prosegue questo mese con ben nove appuntamenti. Ecco a questo link il programma completo di febbraio 2019.